Smirne

Smirne (o Izmir) è la terza città più grande della Turchia dopo Istanbul e la capitale Ankara; ha poco meno di 3 milioni di abitanti e si affaccia sull’omonimo golfo, nel Mar Egeo, nella parte centro-occidentale del Paese, 300 km ad est della capitale greca Atene.

L’area dove sorge la città era già abitata fin dall’inizio del III millennio a.C., con coloni greci che fondarono in seguito l’antica Smyrna attorno al 1000 a.C., mentre quasi sette secoli dopo, nel periodo di Alessandro Magno, venne rifondata in una posizione più interna, sulle pendici del Monte Pagos, coi resti del castello di Kadifekale e della sua cinta muraria tuttora visibili.

In tempi più recenti Smirne vide l’alternarsi di diversi imperi, da quello bizantino a quello selgiuchide, fino al più vicino Impero Ottomano, durante il quale divenne un importante scalo commerciale ed una città multi-etnica, con cospicue minoranze greche ed armene; in seguito alla sconfitta ottomana nella Prima Guerra Mondiale venne assegnata alla Grecia, ma pochi anni più tardi entrò a far parte della neonata Repubblica di Turchia, con inoltre l’ufficializzazione del suo nome turco, Izmir.

Bernard Gagnon, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Oggi Smirne è una delle città più grandi e moderne del Paese, si sviluppa per diversi chilometri lungo l’omonimo golfo ed è un importante polo industriale e delle comunicazioni; a nord del distretto storico di Konak si trova il quartiere più commerciale di Alsancak col suo stretto e lungo parco in riva al Mar Egeo, mentre nel distretto di Bayraklı sono stati eretti negli ultimissimi anni diversi grattacieli che oggi caratterizzano lo skyline di questa metropoli.

Numerosi i musei, che possono soddisfare i più disparati interessi, così come gli edifici di culto, in particolare le moschee, ma non mancano anche una manciata di chiese cristiane; disseminati per la città, sia sul lungomare che in zone più interne, i parchi pubblici, molto apprezzati specialmente nelle giornate estive più calde, mentre per gli amanti dello shopping si possono trovare sia centri commerciali moderni che bazar storici.

Muoversi fra i diversi quartieri di Smirne è piuttosto agevole grazie ad un sistema di trasporto urbano integrato che può contare attualmente su una linea della metropolitana, due linee di tram, una ferrovia suburbana e dei traghetti che collegano le due sponde nord e sud del Golfo di Smirne, oltre ad un gran numero di bus che raggiungono le aree altrimenti scoperte; nuove tratte ferrate sono in fase di costruzione o progettazione.

Attorno a Smirne sorgono delle aree montuose che permettono di trovare sia refrigerio nei periodi più torridi che un po’ di tranquillità, lontano dal traffico e dal caos tipico di una grande città; non serve inoltre percorrere troppi chilometri per raggiungere qualche bella località balneare compresa nei limiti amministrativi della provincia, di cui fa parte anche l’antica città di Efeso, uno dei siti archeologici più interessati e meglio conservati di tutto il Mediterraneo, situata 80 km a sud della metropoli.

Il clima è di tipo mediterraneo, con estati calde e secche, in cui si possono anche raggiungere e talvolta superare i 40° C, ed inverni abbastanza piovosi nei quali si alternano giornate più miti ad altre fredde, quando il termometro si avvicina o scende di poco sotto lo zero; Aprile e Maggio in primavera, oltre a Settembre ed Ottobre in autunno, sono i mesi più adatti per visitare la città, con precipitazioni non troppo frequenti e temperature generalmente gradevoli.

Posizione e come arrivare a Smirne da Istanbul

Smirne dista poco meno di 500 chilometri da Istanbul, alla quale è collegata tramite la nuova autostrada O-5, che ha ridotto il tempo di percorrenza degli autobus a 7-8 ore, con prezzi dei biglietti a partire da 10-15 €.

Il metodo più veloce per raggiungere la città è però l’aereo, con un gran numero di voli giornalieri effettuati da Turkish Airlines e Pegasus Airlines, con partenza da entrambi gli aeroporti di Istanbul, della durata di 1 ora e prezzi a partire da 35 € per la sola andata; dall’aeroporto internazionale di Izmir Adnan Menderes sono inoltre presenti voli per gran parte delle altre maggiori città turche.

L’aeroporto di Smirne si trova circa 15 km a sud del centro storico, che si può raggiungere, oltre che in autobus o taxi, anche con una linea ferroviaria urbana, che ha come capolinea la stazione di Alsancak, in posizione piuttosto centrale; Smirne è l’unica altra città turca assieme ad Istanbul ad avere un collegamento aereo diretto con l’Italia, anche se solo stagionale fra Maggio e Settembre, grazie a 2 voli settimanali della SunExpress in partenza da Milano Malpensa.

Non è invece attualmente consigliato il treno, ma è in fase di costruzione la linea ad alta velocità verso Ankara, che si connetterà inoltre alle linee già presenti per Konya ed Istanbul, con drastica riduzione dei tempi per chi ama utilizzare questo mezzo, che è spesso il più economico in Turchia.

Cosa vedere a Smirne

Bazar di Kemeraltı

Il Bazar di Kemeraltı può essere considerato il cuore della parte storica di Smirne, il distretto di Konak; ha zone sia all’aperto che al chiuso, con stradine e vicoletti in cui trovare ogni tipologia di merce, per portarsi a casa qualche ricordo della città e della Turchia.

Nonostante alcuni dei negozi storici siano stati chiusi, è ancora oggi il più grande ed importante mercato cittadino, nel quale è possibile acquistare diversi prodotti artigianali tipici turchi, quali ceramiche, porcellane e tappeti.

Kemeraltı market 02

Francisco Anzola, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
8:00 – 19:00
Domenica
500 metri a nord-est della fermata della metro Konak

Torre dell’Orologio

La Torre dell’Orologio è stata costruita nel 1901 ed è oggi uno dei simboli di Smirne; si trova in Piazza Konak, non molto distante dal lungomare, è in stile ottomano ed è alta 25 metri.

Parzialmente danneggiata da un terremoto nel 1974, ha una base ottagonale e 4 piani in tutto, con una piattaforma realizzata in marmo bianco e con ornamenti in pietra.

Izmir, torre dell'orologio 03

I, Sailko, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
150 metri a nord della fermata della metro Konak

Tarihi Asansör

Il Tarihi Asansör, come si può intuire dal nome, è una sorta di torre che funge da ascensore e permette di superare velocemente un dislivello di circa 50 metri; venne costruito nel 1907 da un uomo d’affari ebreo.

Oggi offre una delle viste più apprezzate di Smirne ed è adibito a caffè e ristorante, nel quale gustarsi le specialità locali al cospetto di uno splendido panorama.

TR Izmir asv2020-02 img52 Asansör

A.Savin (WikiCommons), FAL, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
6:00 – 24:00
Nessun giorno di chiusura
Gratuito
700 metri a nord-ovest della fermata della metro Üçyol

Moschea di Hisar

La Moschea di Hisar è stata costruita sul finire del XVI secolo ed è una delle moschee storiche e più belle della città; si trova nel distretto di Konak, a fianco dell’antico Han di Kızlarağası, antica locanda che adesso ospita caffè, ristoranti e negozi.

Restaurata più volte fra il 1813 ed il 1980 ha degli interni molto raffinati e dettagliati, che meritano di essere visitati ed apprezzati.

Hisar Mosque (October 2018)

Francisco Anzola, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sempre aperta, eccetto negli orari di preghiera
Nessun giorno di chiusura
Gratuita
600 metri a nord-est della Torre dell’Orologio

Antica Città di Smyrna

Un’area di circa 4 ettari è quello che oggi resta dell’antica città di Smyrna, con l’Agorà in particolare, il centro nevralgico dell’insediamento, utilizzato sia come luogo di incontro che per scambi commerciali e di cui sono rimaste testimonianze risalenti soprattutto al periodo romano.

Sono tuttora in corso degli scavi archeologici, al fine di riportare alla luce altri reperti ed edifici che hanno resistito al passare del tempo ed ai numerosi e violenti terremoti che hanno colpito questa zona della Turchia.

Agora, İzmir, 2019 04

Gargarapalvin, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sito ufficiale 
8:30 – 17:30 (dall’1 Novembre al 31 Marzo)
8:30 – 19:00 (dall’1 Aprile al 31 Ottobre)
Nessun giorno di chiusura
50 Lire Turche
500 metri ad est del Bazar di Kemeraltı

Museo Archeologico di Izmir

Nel Museo Archeologico di Izmir, aperto al pubblico quasi cento anni fa, sono esposti manufatti come statue ed utensili rinvenuti nella zona del Golfo di Smirne e nelle antiche città limitrofe, quali Efeso, Pergamo e Mileto, che testimoniano la massiccia presenza umana nella parte orientale del Mar Egeo fin da molti secoli fa.

İzmir Arkeoloji Müzesi, 2019 04

Gargarapalvin, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
8:30 – 17:30 (dall’1 Ottobre al 31 Marzo)
8:30 – 19:00 (dall’1 Aprile al 30 Settembre)
Nessun giorno di chiusura
25 Lire Turche
500 metri a sud della fermata della metro Konak

Museo di Atatürk

Il Museo di Atatürk è stato allestito nella dimora utilizzata dal padre fondatore della Turchia in occasione del Congresso dell’Economia di Izmir ed in tutte le sue successive visite alla città.

Al suo interno si trovano delle statue di cera di Atatürk e dei suoi compagni d’armi, così come alcuni suoi abiti, i mobili originali ed oggetti di uso comune risalenti a quegli anni.

Dis mekan

Dilara Zeynep, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
8:30 – 17:30 (dall’1 Novembre al 31 Marzo)
8:30 – 19:00 (dall’1 Aprile al 31 Ottobre)
Nessun giorno di chiusura
Gratuito
500 metri a sud del molo di Alsancak

Moschea di Konak

La Moschea di Konak, nell’omonimo distretto storico di Smirne, è piuttosto particolare per via delle sue ridotte dimensioni, che la fanno sembrare quasi una moschea in miniatura.

La sua costruzione risale al 1755 e presenta un solo minareto, accanto all’edificio principale a singola cupola alto pochi metri; anche l’entrata è solamente una, cosa abbastanza insolita.

Konak square

Francisco Anzola, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sempre aperta, eccetto negli orari di preghiera
Nessun giorno di chiusura
Gratuita
Di fronte alla Torre dell’Orologio

Museo KEY

Museo dedicato ai motori, con automobili e motociclette soprattutto d’epoca delle marche più famose, incluse quelle italiane come Ferrari e Lamborghini.

Fra le varie esposizioni si trovano anche un gran numero di modellini, pezzi piuttosto particolari ed antichi, delle vecchie pompe di benzina e stoffe ovviamente a tema motoristico.

Key Museum 1

Homonihilis, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sito ufficiale 
10:00 – 17:00
Lunedì e Martedì
45 Lire Turche
25 km a sud-est dell’aeroporto di Smirne

Wildlife Park

L’Izmir Wildlife Park è uno zoo situato nella periferia nord-occidentale di Smirne ed è indicato se si hanno ragazzi o bambini, per una giornata alla scoperta di animali di tutto il Mondo, quali tigri, elefanti, giraffe e serpenti di varie specie.

Rispetto ad altre strutture dello stesso genere lo spazio per gli animali è abbastanza buono, anche se sarebbe sempre meglio vederli nel loro ambiente naturale rispetto a luoghi in cui i loro movimenti vengono limitati.

İzmir Natural Life Park p1

VikiPicture, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sito ufficiale zoo 
9:00 – 18:00
Nessun giorno di chiusura
10 Lire Turche
A Tuzla, 25 km a nord-ovest del centro città

Parco Nazionale del Monte Spil

Il Parco Nazionale del Monte Spil si trova quasi interamente nella provincia di Manisa, città situata 40 chilometri a nord-est di Smirne; è stato istituito nel 1968 in corrispondenza del massiccio montuoso noto nell’antica Grecia come Monte Sipylus, il quale raggiunge i 1.500 metri d’altezza.

In questo parco nazionale ampio 68 Km² vivono fra gli altri lupi, sciacalli, volpi, stambecchi, uccelli rapaci come aquile e falchi ed anche dei cavalli selvatici Yılkı, mentre la flora è quella tipica mediterranea, con pini rossi alle quote più basse, larici, quercie, ginepri e platani, oltre a 76 specie di piante endemiche della zona, come il tulipano manisa; è noto anche per il gran numero di grotte presenti sul suo territorio.

Il Monte Spil si raggiunge più comodamente dalla città di Manisa, che è adagiata sulle sue pendici, ma è possibile farlo anche da Smirne, percorrendo inizialmente un tratto dell’autostrada O-5; è una meta frequentata in ogni stagione ed in inverno è spesso innevato e garantisce quindi la pratica di diverse attività e sport tipici del periodo, mentre in estate offre un po’ di refrigerio dal caldo torrido delle pianure circostanti.

Spil Dağı'ndan Manisa'ya kuş bakışı

Mugederel, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sito ufficiale 
7:00 – 20:30
Nessun giorno di chiusura
4,50 Lire Turche
9 Lire Turche per una moto
14 Lire Turche per un automobile
50 km a nord-est di Smirne

Parco Naturale di Karagöl

Karagöl è un piccolo lago di media montagna situato una trentina di chilometri a nord di Smirne; sorge sul Monte Yamanlar ad un’altitudine di 800 metri, in un ambiente prevalentemente boschivo.

Un’area di 19 Km² incentrata sul Lago Karagöl è stata dichiarata parco naturale nel 2011 ed ospita animali quali volpi, cinghiali, faine e numerose specie di uccelli, fra cui falchi, merli e fringuelli.

Il parco è una meta adatta ad escursioni giornaliere e dispone di una bella area di campeggio per tende e roulotte immersa nella foresta, proprio nei pressi del lago, con a disposizione anche dei punti di ristoro.

Simetrik Manzara

Cankurtulmaz, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sito ufficiale 
7:00 – 20:30
Nessun giorno di chiusura
10 Lire Turche
20 Lire Turche per una moto
30 Lire Turche per un automobile
35 km a nord di Smirne

Penisola di Karaburun

La penisola di Karaburun si sviluppa per diverse decine di chilometri ad ovest di Smirne e dell’omonimo golfo; ha coste molto articolate con numerose isole a breve distanza dalla costa.

L’autostrada O-32 permette di raggiungere in tempi abbastanza celeri le principali località della penisola, quali Urla e Çeşme, ma vi sono molti altri luoghi più lontani, tranquilli e selvaggi, come la parte più settentrionale, dove si trova la cittadina che dà il nome all’intera penisola.

Il territorio alterna poche aree pianeggianti ad altre più montuose, con coste spesso aspre, in cui si trovano una moltitudine di piccole baie ed insenature, con spiagge di grande bellezza, grazie anche all’acqua color turchese del mare antistante.

Karaburun, İzmir, Turkey - panoramio (9)

Bir_Ege_Hikayesi ©, CC BY 3.0, via Wikimedia Commons