Pamukkale

Pamukkale è assieme alla Cappadocia una delle destinazioni più suggestive della Turchia, grazie al suo “castello di cotone” (la traduzione dal turco del suo nome), una collina bianca alta fino a 160 metri e larga 2,5 chilometri, originatasi in maniera naturale in seguito a fenomeni sismici e tettonici, che hanno prodotto numerose sorgenti termali con acque ricche di calcio ed anidride carbonica.

La collina si può intravedere già a diversi chilometri di distanza e conferisce al paesaggio un’atmosfera mistica; il colore bianco splendente è dovuto ai tipi di rocce di cui è costituita, travertino e calcare, che si sono depositati col tempo su vari strati, con formazioni che ricordano delle cascate di ghiaccio e che si alternano a piscine naturali poste a diversi livelli.

Pamukkale ha inoltre una grande valenza storica e culturale poiché subito a ridosso della collina i greci costruirono, fra il II ed il I secolo a.C., la città di Hierapolis, di cui oggi si possono vedere un gran numero di rovine, alcune delle quali, primo su tutti il teatro, sono in ottimo stato di conservazione, nonostante i violenti terremoti accaduti in zona, l’ultimo dei quali distrusse gran parte dell’antico insediamento, incluse le mura erette nel periodo bizanitino.

Foto di Turchiapertutti.it

Dal 1988 il sito di Hierapolis-Pamukkale fa parte dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO, l’unico della Turchia assieme al Parco Nazionale Storico di Göreme di tipo misto, sia culturale che naturale.

Pamukkale è oggi un piccolo paesino di appena duemila abitanti situato ai piedi della collina calcarea, 15 chilometri a nord del capoluogo provinciale Denizli; è totalmente vocato al turismo, per via del grande afflusso di visitatori che ogni giorno affollano l’area.

Sono presenti 3 accessi alle piscine naturali ed alle rovine di Hierapolis, con quello più comodo che parte proprio dal paese, dal quale bastano 5-10 minuti a piedi per entrare nel sito protetto ed osservare da vicino le formazioni di travertino e calcare; vicino agli altri due ingressi sorgono grandi parcheggi ed anche fermate di autobus.

Soggiornando a Pamukkale si ha la possibilità di osservare da poche centinaia di metri la collina, che specialmente all’alba o al tramonto offre uno spettacolo davvero unico; l’importante è che la propria stanza sia orientata verso nord-est e che la vista non sia oscurata da altri edifici, per cui è preferibile scegliere una struttura situata nei pressi della strada principale che da Denizli conduce a Pamukkale.

Da qualche anno vengono inoltre organizzati poco dopo l’alba dei tour in mongolfiera della durata di 1 ora, sulla scia del successo che questo tipo di attività ha ottenuto in Cappadocia; per i più avventurosi ci sono poi i voli in paragliding in tandem con una guida esperta oppure, sempre in coppia, con un girocottero, una sorta di piccolo elicottero biposto aperto.

Oltre a Hierapolis si possono visitare nelle vicinanze altri siti archeologici di città risalenti allo stesso periodo storico, Laodicea, 12 km più a sud e Tripolis, situata 25 km a nord-ovest di Pamukkale.

Il clima è di tipo mediterraneo, con estati molto calde ma secche ed inverni in cui si può passare da temperature miti ad alcuni gradi sotto lo zero; le precipitazioni (molto raramente nevose) si concentrano nei mesi che vanno da Novembre a Marzo, per poi calare in primavera e soprattutto estate, con anche i mesi di Settembre ed Ottobre piuttosto buoni; autunno e primavera sono perciò i periodi più indicati per visitare Pamukkale, anche perché il picco turistico è in estate, quando le temperature massime possono oltrepassare la soglia dei 40° C.

Posizione e come arrivare a Pamukkale

Pamukkale si trova nella Turchia sud-occidentale e dista poco meno di 600 chilometri da Istanbul, con conseguente viaggio via terra piuttosto lungo e laborioso, poiché bisogna prima raggiungere in autobus Denizli, da dove in una mezzoretta si arriva infine a destinazione; il tragitto Istanbul-Denizli dura sulle 11-12 ore, con prezzo attorno ai 10 €.

La città di Denizli dispone anche di una stazione ferroviaria, ma il viaggio in treno è ancora più lungo, 13-14 ore minimo e richiede oltretutto un paio di cambi.

La soluzione più rapida è quella dell’aereo, con voli giornalieri per Denizli effettuati sia dalla Turkish Airlines, dal Nuovo Aeroporto di Istanbul, che da AnadoluJet e Pegasus, dall’Aeroporto Sabiha Gökçen; i biglietti di sola andata partono da 25-30 €, con viaggio della durata di 1 ora; il piccolo aeroporto di Denizli si trova nei pressi di Çardak, 60 km ad est della città e 70 km da Pamukkale, che si può raggiungere direttamente con un servizio di bus navetta dal costo di 10 €.

Le altre città più grandi e vicine a Pamukkale sono Antalya e Smirne, entrambe distanti poco meno di 250 km, con bus che impiegano 3 ore e mezza per raggiungere Denizli e con costi attorno ai 5 €; più vicina Efeso (Selçuk), un’altra delle destinazioni più interessanti della Turchia, situata 190 km più ad ovest, nei pressi della costa sul Mar Egeo.

Cosa vedere a Pamukkale

Terrazze di travertino

Fra l’antica città di Hierapolis e l’attuale Pamukkale si trova una collina bianca formata da calcare e travertino, che presenta un gran numero di piscine naturali, alcune delle quali contengono acqua termale calda; il risultato è uno spettacolo davvero unico e di gran fascino, che si può ammirare da ogni angolazione.

Direttamente dal paesino di Pamukkale si risale, tassativamente a piedi scalzi, un lato della collina, su quella che una volta era una strada asfaltata che portava ad alcuni hotel posti fra le rovine di Hierapolis, che per fortuna è stata dismessa, al pari delle strutture ricettive che deturpavano il paesaggio e l’atmosfera del luogo.

Al posto della strada ci sono adesso delle formazioni calcaree alternate a delle piscine artificiali, alimentate da un piccolo ruscello e profonde poche decine di centimetri, che ben si integrano con l’ambiente circostante, nelle quali si può camminare o anche immergersi parzialmente durante i mesi più caldi.

Sulla cima della collina sono poi presenti un piccolo parco, dei sentieri e delle passerelle, da dove osservare al meglio le piscine naturali, in cui non è invece possibile entrare, al fine di preservare quello che la natura ha faticosamente e pazientemente creato.

Esistono altre due entrate, nord e sud, dotate di ampi parcheggi, poste rispettivamente a 4 e 2,5 km dal centro di Pamukkale, da dove raggiungere poi a piedi l’inizio della sezione delle piscine, che verranno percorse così in discesa.

Foto di Turchiapertutti.it

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
8:00 – 20:00 (ingressi pedonale e nord)
6:30 – 20:00 (ingresso sud)
Nessun giorno di chiusura
110 Lire Turche (terrazze + Hierapolis)
A nord-est del paese di Pamukkale

Antica Città di Hierapolis

Hierapolis era una delle città più importanti della Frigia e sorgeva poco sopra il “castello di cotone”, in modo da poter utilizzare le acque termali dell’area; fondata nel 190 a.C. dai greci venne man mano ampliata nei secoli seguenti.

La città venne gravemente danneggiata da due terremoti nel 17 e 60 d.C., per cui la sua planimetria più recente risale al II e III secolo d.C., periodo in cui vennero eretti gran parte degli edifici che oggi costituiscono le rovine di quest’antica città, rinominata in Ierapoli durante l’Impero bizantino, prima di diventare un piccolo insediamento all’inizio del VII secolo d.C., dopo un altro violentissimo sisma che la distrusse quasi completamente.

Le rovine si estendono su un’area piuttosto ampia ed includono sia monumenti di quasi duemila anni fa, come templi, terme, strade pavimentate, porte e teatri, che altri più recenti, quali chiese, una cattedrale ed altri edifici religiosi bizantini.

Il ticket d’ingresso vale sia per le piscine di travertino che per le rovine di Hierapolis, a patto di effettuare la visita nella stessa sessione (non si può uscire e rientrare in seguito).

Foto di Turchiapertutti.it

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
8:00 – 20:00 (ingressi pedonale e nord)
6:30 – 20:00 (ingresso sud)
Nessun giorno di chiusura
110 Lire Turche (terrazze + Hierapolis)
A nord delle terrazze di travertino

Teatro di Hierapolis

L’imponente teatro è il monumento meglio conservato di Hierapolis; venne costruito e poi ampliato durante il regno degli imperatori Adriano e Settimio Severo e si trova in posizione più elevata rispetto all’antica città.

Il Teatro di Hierapolis poteva ospitare fino ad un massimo di ben 15.000 spettatori; grazie ad opere di ristrutturazione e conservazione effettuate a partire dal 1977, riguardanti in particolare il palco ed il frontescena, è oggi uno dei monumenti di questo genere più interessanti di tutta la Turchia.

Foto di Turchiapertutti.it

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
8:00 – 20:00 (ingressi pedonale e nord)
6:30 – 20:00 (ingresso sud)
Nessun giorno di chiusura
110 Lire Turche (terrazze + Hierapolis)
800 metri a nord-est delle terrazze di travertino

Museo Archeologico di Hierapolis

Il Museo Archeologico di Hierapolis si trova a poca distanza dalle terrazze di travertino ed è stato allestito in quelle che erano le terme romane.

È costituito da sole tre stanze, nelle quali sono però esposti alcuni pezzi, quali statue, tombe e sarcofaghi, di grande bellezza e ricchi di raffinati dettagli; altri reperti si trovano nel giardino esterno del museo.

Hierapolis Archaeology Museum, Turkey (32286296791)

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
8:00 – 19:00
Nessun giorno di chiusura
15 Lire Turche
1 km dall’entrata dal paese alle Terrazze di travertino

Piscina di Cleopatra

L’Antica Piscina di Pamukkale, meglio nota come Piscina di Cleopatra, vi dà la possibilità di immergervi in acque termali note e sfruttate fin dai tempi dei romani.

La particolarità è data da frammenti di colonne e pietre dell’antica Hierapolis immerse nell’acqua, che quindi donano un fascino particolare a questa piccola piscina, la quale risulta purtroppo eccessivamente affollata negli orari di punta e nei mesi di alta stagione turistica.

Cleopatra Antique pool (15688240214)

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
9:00 – 19:00
Nessun giorno di chiusura
100 Lire Turche
300 metri a nord-est delle terrazze di travertino

Parco di Pamukkale

Fra il paese di Pamukkale ed il castello di cotone è presente un tranquillo parco che offre delle belle visuali sull’adiacente collina calcarea e dove ci si può rilassare, mangiare uno spuntino o noleggiare una barca per un breve giro nel lago che occupa buona parte dell’area verde.

Foto di Turchiapertutti.it

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sempre aperto
A nord-est del paese di Pamukkale

Antica Città di Laodicea

Laodicea al Lico era un’antica città greca fondata nella metà del III secolo a.C., passata un centinaio di anni dopo sotto il dominio romano; le sue rovine si trovano pochi chilometri a nord di Denizli.

Come successo alla vicina Hierapolis venne danneggiata più volte da violenti terremoti, l’ultimo dei quali, all’inizio del VII secolo d.C. la distrusse in maniera irreparabile, costringendo i suoi abitanti a spostarsi più a sud.

Fra le rovine della città abbiamo il più grande stadio dell’Anatolia, largo 70 metri e lungo ben 285 metri, due teatri, diverse chiese ed una necropoli che circondava Laodicea su tutti e quattro i suoi lati; lo stato di conservazione è piuttosto precario, ma l’area da visitare abbastanza ampia.

Laodicea on the Lycus, Phrygia, Turkey (21437634730)

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
8:00 – 20:00
Nessun giorno di chiusura
37 Lire Turche
12 km a sud di Pamukkale

Antica Città di Tripolis

Tripolis era un’altra delle città più fiorenti della Lidia, circa 20 km a nord-ovest di Hierapolis, vicino all’attuale paese di Yenicekent.

Si ritiene che un primo insediamento venne fondato in quest’area già nel VI secolo a.C., mentre le rovine fin qui rinvenute appartengono in maggior parte ai periodi romano e bizantino; subì la stessa sorte di Hierapolis e Laodicea, per via dell’alta sismicità di questa regione.

Nel sito archeologico sono in corso da diversi anni scavi ed opere di restauro che dovrebbero renderlo più interessante in futuro, grazie al recupero di reperti e sezioni di edifici di grande valore storico.

Tripolis on the Meander, Lydia, Turkey (19503600091)

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sito ufficiale 
8:00 – 17:30
Nessun giorno di chiusura
Gratuita
25 km a nord-ovest di Pamukkale

Grotta di Kaklik

La Grotta di Kaklik è una piccola cavità con caratteristiche simili a quelle di Pamukkale; sono infatti presenti belle formazioni di travertino di un bel bianco lucente, così come minuscole piscinette, cascate, stalattiti e stalagmiti.

Durante la visita si percorre in modo circolare una passerella in legno di circa 200 metri, ricoperta in diversi punti dall’acqua che scorre nella grotta, che nonostante non sia di grandi dimensioni risulta comunque piuttosto interessante e variegata, una specie di Pamukkale sotterranea.

Foto di Turchiapertutti.it

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
8:00 – 19:00
Nessun giorno di chiusura
5 Lire Turche
45 km ad est di Pamukkale